martedì 21 novembre 2017

Amplificatore per loop a "stendino" di Italo Crivellotto IK3UMZ


Tutto nasce dalla necessità di avere un'antenna decente in laboratorio, per poter fare un po di ascolto in Onde Medie e Corte. 
Tempo fa , se ricordate, la mia YL stava per rottamare lo “stendino”, divenuto oramai inutilizzabile; visto come era fatto, pensai di utilizzarlo come antenna loop, vedi http://air-radiorama.blogspot.it/2017/11/antenna-loop-con-stendino-di-italo.html 

Antenna “stendino”

 Dopo qualche tempo di ascolto con il loop ” stendino” abbinato all' amplificatore di Fausto IK4NMF . (https://www.nmf-technology.it) lo misi da parte sostituendolo con un loop di maggiori dimensioni che tutt'ora funziona benissimo. 
Visto che passo molto tempo in laboratorio ho pensato di riesumare il vecchio “ stendino” costruendoci un 'amplificatore adatto allo scopo. Avevo poche idee e quelle poche ben confuse, per costruire un amplificatore da abbinare al loop e decisi quindi di consultare il web. Dopo gira che ti rigira nel web mi resi conto che molti schemi elettrici di amplificatori sono dei semplici "fake". Decisi quindi di costruirlo di sana pianta e a costo zero! Fra le cose rimaste inutilizzate nel solito cassetto ho trovato un amplificatore antenna TV marchiato Mitan ed ancora in buone condizioni ; decisi quindi di cannibalizzarlo recuperando i transistor e il case . Fra tanti schemi di amplificatori trovati in rete ho “scremato” quello che mi è sembrato il più logico.
Schema  amplificatore

Come vedete non è nulla di nuovo, è il solito push-pull di transistor, in questo caso due BFR 96 controreazionati sul catodo. Per avere una buona resa con una banda di ricezione abbastanza larga è indispensabile che la bobina di carico (L1) sia di ottima fattura; in verità è molto semplice costruirla, anche se pochi lo spiegano. Se avete sottomano un alimentatore per PC non funzionante apritelo e troverete dei toroidi adatti allo scopo; scegliete quello di colore nero, di materiale più “duro” (si vede ad occhio nudo). A questo punto dovete “twistare” 3 fili di rame lunghi circa 50cm in modo da formare un solo filo composto dai tre fili. Non sapete come fare ? https://www.youtube.com/watch?v=1B38w7WHvwc  Facile no?.. Fatto questo, avvolgete 20 spire nel toroide. Se fate bene attenzione alla foto ricaverete la fase degli avvolgimenti con estrema facilità; importante è che il senso (la fase) degli avvolgimenti sia la stessa.


Toroide  L1

Come vedete l'assemblaggio dei transistor è semplice. Fate attenzione a non scaldare troppo con lo stagnatore i transistor. Usate, se possibile, componenti di buona fattura e resistenze da ¼ di W e occhio alle saldature “fredde”. Per alimentare l'amplificatore ho usato un comune alimentatore antenna TV (e te pareva) di almeno 200mA. L'unica modifica è quella di sostituire l'impedenza con una da 47mH...o quella che avete sotto mano. Prima di dare la scossa controllate bene tutti i collegamenti. I primi ascolti, se pensiamo che il loop ½ m quadro di cattura sono molto buoni, dagli screenshot allegati direi che non è male visto che la basilarità dell'amplificatore.

Amplificatore assemblato

Prove d'ascolto con  loop e l'amplificatore home made IK3UMZ

Screenshot In MW 
Screenshot di IBC Radio a 6070 KHz.   SDRsharper
Screenshot di Italcable a 10,0 MHz . Il primo con SDRsharper

      73

Italo    IK3UMZ     ik3umz@gmail.com

1 commento:

  1. A me sembra un amplificatore differenziale. Le resistenze sulla base dovrebbero essere da 4K7. BFR 96 controreazionati sul catodo (? o sull'emettitore). I due resistori da 100 Ohm sugli emettitori si possono sostituire con uno solo da 50 Ohm, di adeguata potenza.Comunque, ottimo lavoro.
    Achille De Santis - tecnatronATgmail.com

    RispondiElimina

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.