domenica 26 febbraio 2017

RS RadioSpeaker Nuovo Altoparlante Mk3

Di Roberto Vesnaver   IV3GXZ

Mk3

E' tutto cominciato con un LS3, un altoparlante utilizzato con i ricevitori militari degli anni '40.



Tolto il trasformatore da 600 Ohm ha rese superiori ai vari Kenwood, Icom, Yaesu, JRC, Hallicrafters, Drake e Collins per citare alcuni prodotti con i quali era stato comparato.Ho tormentato il bravissimo l'ingegnere Jensen che mi ha seguito nel progetto: realizzare un altoparlante idoneo alla riproduzione del parlato in SSB e del CW. Alla fine il risultato è eccellente. Il nuovo Jensen è una spanna sopra il già ottimo LS3, uno dei primi altoparlanti ad essere stati analizzati nei laboratori del marchio che ha inventato l'altoparlante magnetodinamico come lo conosciamo oggi.

. 
Ecco il frontale Mk3, le viti dell’ l'assemblaggio sono di INOX Zincate nere

Assemblaggio del cavetto sul pin connettore di uscita NEUTRIK


Questo il "magnetino" del prototipo, un Bxl, il prodotto di forza magnete-bobina, quasi raddoppiato dal modello precedente. Un altoparlante per radiocomunicazioni come non lo avevo mai sentito.


Il diagramma in camera anecoica del nuovo altoparlante  Mk3 costruito da JENSEN su specifiche di RS
 

Mk3


Il  piccolino  KX3 di casa Elecraft .La sensibilità dell'altoparlante Jensen del RADIOSPEAKER ne esalta la resa. (collegato all’uscita cuffia)    

Per  informazioni
 iv3gxz@gmail.com    info@RDspeaker.com                http://www.rdspeaker.com/



I RadioSpeaker potete trovarli da Carlo Bianconi a Bologna   www.carlobianconi.com

sabato 25 febbraio 2017

In arrivo il nuovo ricevitore SDR Airspy HF+

Prime comunicazioni sul nuovo AirspyHF+

Airspy SDR triplica. Prima Airspy, ora in versione R2, poi Airspy Mini, adesso Airspy HF+.

Youssef, il realizzatore del famoso software Sdr# (Sdr Sharp) e della linea Airspy ha fatto sapere sul gruppo Yahoo e su Twitter che siamo in fase avanzata per la messa in produzione di un nuovo ricevitore con caratteristiche superiori ad Airspy, ma sempre a un prezzo limitato: entro i 200 dollari.

Quello che emerge in questa prima fase è che sarà un ricevitore piuttosto diverso.

Le frequenze coperte saranno minori, ma con le LW, MW, SW: 0-30 & 60-270+ MHz

La banda massima visibile e registrabile sarà ridotta: 600 kHz invece di 9 MHz effettivi

Le caratteristica saranno molto superiori, con dinamica molto elevata

Non ci sarà più bisogno di regolare manualmente il guadagno (ottima notizia)


Preliminary specs:

RX range: 0 .. 30 MHz (HF) and 60 – 270 MHz (+)
Architecture: Hybrid (Direct conversion + DDC) using 2 x sigma delta ADC’s @ 36MSPS

Front end: Tracking Filters (all bands), High Dynamic Range LNA’s and Mixers
AGC: Smart AGC controlled by the DSP
DSP: CIC, CFIR and a final (programmable) channel FIR – 18bit resolution

Final bandwidth/resolution after DDC: 18bit @ 600kHz – Scaled and streamed as 16bit
Image rejection: better than 120dBc
Blocking DR: 108 dB

Separate HF and VHF RF inputs – with option to use one multiplexed input if desired
USB 2.0 with Plug and play – No drivers needed
The RF section resides inside a metal shield - Aluminium enclosure about 60 x 100 x 15 mm

Basically, this addresses the lack of affordable and good performing receivers for HF and VHF.
Target price < $200


Mostra dedicata a Guglielmo Marconi dal titolo “Guglielmo Marconi nella Grande Guerra "



pubblicato il  

Guglielmo Marconi: una mostra, un convegno e visite didattiche per rendere omaggio al pioniere del wireless

E’ stata inaugurata questa mattina, nei locali della Caserma “Euclide Turba”, sede del 46° Reggimento Trasmissioni di Palermo, la mostra dedicata a Guglielmo Marconi dal titolo “Guglielmo Marconi nella Grande Guerra – Il Genio del wireless e le sue eredità”. Presenti gli studenti del liceo scientifico “Ernesto Basile” e dell’istituto tecnico “Alessandro Volta” del capoluogo dell’Isola.
La mostra itinerante promossa dalla Scuola delle Trasmissioni ed Informatica dell’Esercito, resterà aperta fino al 22 aprile e permetterà agli studenti di alcuni Istituti superiori Siciliani di conoscere la figura del premio Nobel alla Fisica. Nel solco della storia e del passato, un’esposizione fotografica e di cimeli storici dell’Arma delle Trasmissioni, appartenenti alla collezione privata del generale Francesco Cremona, consentirà di valorizzare il contributo fornito dall’inventore, imprenditore e scienziato. Un excursus storico-culturale ma soprattutto tecnico-scientifico che evidenzierà gli aspetti più significativi di colui che viene riconosciuto come il precursore del wireless e “Padre delle telecomunicazioni” .
In occasione dell’apertura del convegno, promosso dal 46° Reggimento in collaborazione con l’Università di Palermo, il Tenente Colonnello Belisario Di Concilio, Comandante del Battaglione Trasmissioni “Mongibello” del 46° Reggimento Trasmissioni, accompagnato dal Capitano Vincenzo Scaccia, Comandante della 2^ Compagnia, hanno accolto il professore Girolamo Cirrincione Pro Rettore alla ricerca e il professore Alessandro Busacca dell’Università degli Studi di Palermo.
Dalla radio al cellulare al satellitare al GPS, i visitatori hanno avuto la possibilità di apprezzare l’enorme progresso tecnologico compiuto nel settore delle telecomunicazioni, grazie, inoltre, ad un’affascinante visita al Centro Sistemi C4 di bacino che supporta nelle attività di comando e controllo gli enti di Forza Armata dislocati in Sicilia e Calabria.
“Divulgare la sua opera”, sarà inoltre la “mission” dell’infoteam del 46° Reggimento, che attraverso conferenze ed attività promozionali nelle scuole della Provincia di Palermo, spiegherà ai giovani studenti il senso ed il prezioso patrimonio che Guglielmo Marconi ci ha lasciato in eredità.

http://www.lagazzettapalermitana.it/guglielmo-marconi-una-mostra-un-convegno-e-visite-didattiche-per-rendere-omaggio-al-pioniere-del-wireless/

Quasi risolto il mistero delle "scalette" ( ladder )

Facendo seguito alle pubblicazioni agli indirizzi :

http://air-radiorama.blogspot.it/2016/08/parzialmente-risolto-il-mistero-delle.html

http://air-radiorama.blogspot.it/2017/02/ancora-novita-sulle-scalette-ladders-in.html

mi sono dato da fare questa volta a registrare non solo gli spettrogrammi , ma anche il segnale RF I&Q .
Con alcune ottimizzazioni ed il determinante l'aiuto di Oscar Steila ( che ringrazio meglio al fondo assieme ad altri notevoli personaggi) sono arrivato  a registrare circa 8 MHz di banda utile ( tra 6 e 14 MHz ) con un disco veloce da 1TB , per una durata complessiva di circa 6 ore .
Durante questo ho pescato fortunosamente dal mio QTH una di queste scalette e sono riuscito ad analizzarla in tempo reale .
Si tratta di una di quelle che ho definito con " gradini corti ".
E' un segnale che sale a passi discreti di 100 kHz ad intervalli ogni 3 secondi e staziona sulla frequenza per tre secondi .
L'andamento e' ben visibile al di sopra della riga gialla che ho disegnato sull'immagine.



Di seguito il passaggio sullo spettrogramma superiore che e' stato velocizzato e la demodulazione a 8 MHz (spettrogramma inferiore).
Non ha modulazione e quindi si tratta solo di portante .
E' affetta da QSB e quindi non si tratta di un segnale locale .


Ho seguito passo per passo tutti i segmenti fin dove possibile .
Sul lato inferiore sono arrivato fino a 5.9 MHz , impossibile vedere piu' sotto perche' il filtro digitale configurato sul convertitore A/D non lo consentiva , ma sicuramente il tutto parte da molto piu' in basso perche' a 5.9 MHz il segnale demodulato era ancora molto intenso .
Sul lato superiore sono arrivato fino a 13.2 MHz , prima che il successivo segnale scomparisse totalmente nel rumore per avere superato la MUF ( Maximum Usable Frequency ) di quel momento .
Il tutto e' visibile nello spettrogramma inferiore delle immagini .
Ho usato per comodita' la funzione demodulazione DRM perche' alla fine e' una USB a larga banda .
Nella prima immagine si vede in alto la portante e la modulazione della Broadcasting a 5905 kHz 
( Radio China International ?) 






La spiegazione piu' logica e' che si tratti di ionosonde che anziche' avere un andamento di scansione (sweep) continuo , hanno dei salti discreti di frequenza ,il che consentirebbe una serie di ovvi vantaggi.
Al momento parrebbe che non abbiano periodicita' come quelle standard .
Puo' darsi che vengano attivate al bisogno (usi militari ?) , oppure che facciano parte dei test HAARP o similari ?
Non sara' facile scoprirlo .
Sto indagando ulteriormente con altre registrazioni per vedere se ci sono casistiche di periodicita' particolari o meno .
Al momento non sembra ( perlomeno a breve termine ), ma posso ovviamente sbagliare .

Chiunque puo' comunque partecipare alla ricerca, anche con un semplice ricevitore in CW .

Consiglio di posizionarsi sulla frequenza di 8 Mhz che non e' ne troppo alta ne troppo bassa e piuttosto libera ( si sentono a volte voci in Francese ma in USB ) , qualche volta qualche burst dati veloce e poi , qualche volta al giorno, la portante che dura tre secondi .
Una volta ascoltata e terminata , si puo' seguire il seguito della scaletta avendo configurato un salto di frequenza di 100KHz in alto e facendolo fare a mano .
Le ore piu' favorevoli sembrano quella in cui il sole e' alto sull' Italia e fino a prima del tramonto .
Segnali dall'Ovest ? Sono pochissimo pratico di propagazione ....
Se avete dei dati e volete condividerli potete scrivere a : reclaudio@alma.it

Nel frattempo , intanto che riproducevo i segnali registrati , ne ho trovati altri di natura diversa che chiamero' " fantasmi " ( ghosts ) .



Questi sembrerebbero avere modulazione ,su banda relativamente larga , probabilmente digitale .
Si tratta quasi sicuramente delle " digisonde" che sono ionosonde con modulazione digitale , anche qui i salti sono discreti .
Per pura combinazione nella prima immagine si vedono in parallelo una ionosonda "normale" ( probabilmente Cipro) ed una di queste.
Nella seconda immagine si vede sempre la ionosonda che appare prima debole nel tratto inferiore di frequenza e poi scompare ( per ricomparire poi bene nella prima immagine ) .

Appena avro' tempo vedro' di analizzare anche i "ghost" .

Vorrei ringraziale pubblicamente Oscar Steila che si e' dannato l'anima per fare funzionare un convertitore A/D da 54 Ms e 16 bit e consentire la registrazione e riproduzione tramite HDSDR con dei PC allo stato dell' arte e con USB3.0 , ma non ..."militari" ....

Un altro ringraziamento va ad Alberto di Bene per avere reso pubblici i sorgenti del suo magnifico software Winrad che avendo un' architettura ottimale ed espandibile , ha generato una sequenza di magnifici software di cui il mio preferito e' ,come vedete, HDSDR .

Ovvi i ringraziamenti a Mario Taeubel ed a tutti quelli che lo hanno nel tempo aiutato a migliorare il software che ancora e' in evoluzione .

Un quarto ringraziamento ad Emanuele Pelicioli per avere messo a lungo e pesantemente messo mano da remoto sul PC impiegato per ottimizzare la velocita' degli 8 processori in gioco ....

Senza il loro aiuto non sarei mai riuscito a cavare un ragno ( anzi una scaletta ... ) dal buco ....

Due libri da scaricare gratis : " Internet delle cose per principianti "



Prodotti dalla Qorvo e scritti da Lawrence Miller , scaricabili al collegamento :

http://www.qorvo.com/design-hub/ebooks/internet-of-things-for-dummies?utm_source=Quarterly+Newsletter+February&utm_campaign=Quarterly+Newsletter+February+2017&utm_medium=email

Personalmente preferisco usare termini italiani " Internet delle cose per principianti ", e limito gli acronimi : Internet of Things ( IoT) .

Per me IOT e' sempre stato l'acronimo di Inductive Output Tube , un tipo di valvola di potenza simile al Klystron  che invece di avere l'uscita che normalmente si accoppia capacitivamente con la placca , si accoppia induttivamente al suo interno .
Molto usati nei trasmettitori che accelerano le particelle ( Cern ad esempio ) ed in passato in alcuni trasmettitori televisivi .

https://en.wikipedia.org/wiki/Inductive_output_tube


Anche DRM per me e' sempre stato l'acronimo di Digital Radio Mondiale , ma se fate ora una ricerca al 99% troverete l'acronimo DRM come Digital Right Management .

Quindi ....occhio agli acronimi ....

In ogni caso in " soldoni" qui si tratta della nuova rivoluzione tecnologica che fara' in modo che un po' tutti i prodotti che usiamo ( oltre a PC , Tablet ,Telefoni cellulari ed altro ) quali ad esempio : frigoriferi , cucine,lavastoviglie, lavatrici  impianti di riscaldamento , controlli della casa ( domotica ) , auto, radio .... saranno connessi ed interagiranno con e tramite internet con noi e con il mondo .

Come sempre accaduto da che mondo e' mondo , ad ogni rivoluzione tecnica o tecnologica c'e' chi avra' paura ( magari anche giustamente ) e chi approfittera'  delle nuove possibilita' .

Personalmente mi informo e sperimento ....

Cars, chameleons, networks, and other stories (update 1)

Antonio Anselmi i56578 SWL


6231 net (6231.0 KHz)
I recently spotted the frequency 6231.0 KHz on USB where stations connect following the same procedure as of AB-net and use STANAG-5066 HMTP protocol which is transported by a STANAG-4285 modem configured for 1200 bps and short interleaver (Figs. 1,2).  As in the 5054-net, the message transfer is not preceded by ALE or selcall phase and this supports the idea of scheduled tansmissions. 
The post related to AB-net and 5054-net (HRV MORH-u) can be read here

Fig.1 - the HF waveform (Stanag-4285)
Fig.2 - 1776 bit period (Stanag-5066)

While the transmissions in the AB-net are scheduled on tuesday and thursady from 0830 UTC (0730, daylight savings time), transmissions on this frequency start  at 0800 UTC on monday and wednesday (most likely 0700, daylight savings time)[1]. These are the heard callsigns,  listed in the call-order: 
GHU3 (net-control station)
ONI6
ZIO4
OLI7
NIK2
ULI6
VEL8
CIK5
ZIL7
Stations are contacted a first time by GHU3 for a radio-check then, in case of messages, the stations shall be contacted a second time and in the same order. Unless the initial 188-141 2G-ALE phase, the message transfer follows the schema seen here, used in the AB-net.

The HMTP headers in Fig. 4 prove that this net belongs to the HRV MORH-u network as the previous AB-net and 5054-net: same OS (Linux Open-SUSE), same STANAG-5066 application ("CroS 5066", developed by CROZ) and same attachment filename.

Fig. 4

The examination of the headers of the Data PDUs (D_PDU) gives the chance to get the STANAG-5066 addresses of the nodes in the play. The D_PDU headers can be highlighted by synchronizing the bitstream on the 16-bit Maury-Styles sequence 0xEB90 since all D_PDUs, regardless of type, begin with that same sync (it's just this sequence that causes the 1776-bit ACF of Figure 2).

Fig.5 - D_PDU headers
The S-5066 addresses obtained from the recordings belong to the 006.008.003.zzz subnet, then 5054.0 and 6321.0 KHz  are just two channels of the same subnet.
Below the updated S-5066 Addresses Table and the Network Map. 

AB-net 5838.0 KHz (...)
ALE  S-5066 Add.       E-mail Add. 
ABC7 006.008.001.039   user1@asdf.123 (ncs)
ABD1 006.008.004.166   user1@sdfg.123
ABG6 006.008.004.165   user1@dfgh.123
ABF2 006.008.006.226   user1@fghj.123
ABS5 006.008.008.215   user1@ghjk.123
ABK4 006.008.002.144   user1@jklp.123
ABH3 006.008.002.055          ?


5054/6231-net 5054.0 KHz, 6231.0 KHz
CALL S-5066 Add.       E-mail Add.
GHU3 006.008.004.165   user1@aysxd.111 (ncs)
ZIO4 006.008.003.032   user1@oli93.111
     006.008.003.033   user1@lost62.111

NIK2 006.008.003.036   user1@dres32.111
ULI6 006.008.003.037   user1@fejk8.111

CIK5 006.008.003.039   user1@huba9.111
ONI6
OLI7
VEL8
ZIL7




Anyway, these are tactical callsigns and rotate likely on a monthly base: e.g. in January 16 2017  the station user1@huba9.111 has been heard with callsign CHP3 (was CIK5) and obviously with same S-50966 Address (006.008.003.039).

[1] further recordings are needed

venerdì 24 febbraio 2017

Radioamatori Finlandesi aficionados del marchio Geloso



Ezio Di Chiaro ci fa conoscere un sito dei radioamatori finlandesi  presente tra i link del sito  www.geloso.net .Si tratta di un  gruppo di  aficionados del   marchio Geloso di eta’ diverse  




giovedì 23 febbraio 2017

National Antartic Museum of Genoa

Antartic Activity Week 2016



In occasione della settimana Antartica, fino al  26 febbraio 2017, sarà attiva una stazione radio nel Museo dell'Antartide al Porto Antico.





Con il nominativo speciale II1MNA  wap 060

Bande operative: 40 e 20 metri

antenne:

dipolo 10 - 15- 20 mt.
dipolo 40 mt




apparati:
- Kenwood ts 2000
- ICOM IC 765




Modi:


FONIA - CW - DIGITALE
Per ulteriori info visitate il sito:

Sezione Ari di Genova


 oppure

WAP

varie foto :












The Museo Nazionale dell'Antartide was established in 1996 and named "Felice Ippolito" in memory of its first President. The Antarctic Museum is part of the University of Genoa, and is located near the Millo Pavilion in the "EXPO" Area of the Old Port of Genoa.

INSTITUTION AND MISSION OF THE MNA

In 1959, a fundamental agreement has been subscribed by many nations – the Antarctic Treaty. Italy ratified the agreement in 1981, and starting from 1985 our country has begun research activities in the Antarctic continent, thanks to the Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA). Since then, many different Italian scientific groups have outlined and carried out basic and applied research studies and projects in the most different science fields: from geology to marine ecology, from glaciology to robotics and tele-science and many more. The accomplishment of these studies has allowed us to collect samples and finds, and to organize important biological, glaciological, geological, mineralogical and palaeontological collections. The value of these collections and the diffusion of information about the studies carried out by the Italian scientific community in Antarctica have led to the institution of the Museo Nazionale dell’Antartide.
The mission of the Museo is the conservation, study and promotion of samples collected during the Italian scientific expeditions and any other evidence of the Italian presence in Antarctica.
The Museo has also the task to promote the results achieved by the Italian scientific community.

***************************
REFERENCE WAP 060
***************************

The special call sign II1MNA was activated for the first time during the Fourth Antarctic Week being held at the National Antarctic Museum (MNA - "Museo Nazionale dell'Antartide) in Genoa, Italy, by "Doc" Maurizio IZ1GJK, Federico "Fede" IW1QN, Max IK1GPG and Massimo IZ1GJH.
The first MNA QSL
In 2012 Mauri IZ1GJK, as first manager of the call, passed it to ARI Genova and this because ARI, being the Italian Association of HAM, best represents the relationship between the HAM World and the Institutions,this means that, beginning wth the 9th Antarctic Activity Week, it will be ARI Genova that will activate the call each year.
The first  ARIGENOVA MNA QSL (2012)
Worldwide Antarctic Program (WAP) Staff, announce the launching of 13th Antarctic Activity Week, which will be held from 00:00 GMT Febr. 22th through 24:00 GMT of Febr. 28th 2016. The purpose of this A.A.W. is to improve Worldwide interest around Antarctic Continent and its related matters, to understand and share what the Nations and Organizations are doing to protect this still uncontaminated corner of the world, to share a message of peace WW. Antarctic Activity Week, is celebrated every year in the last week of February, to coincide with the 22nd of February, when the Argentines celebrate the Argentine Antarctica Day (DIA DE LA ANTARTIDA ARGENTINA see www.marambio.aq ). This invitation, is addressed to all Radio Amateurs (OMs & SWLs) around the world, and to the Clubs and Organizations who would like to join and share with us this initiative.

QSL INFO:
Bureau o SASE with call II1MNA
address:
A.R.I. Sezione di Genova
Ufficio Postale Centro - P.O.Box 1117
Genova, 16121
Italy

QSL DIRETTA - Deve pervenire con una busta indirizzata IRC (nuovo) o due dollari per coprire le spese di spedizione.
Tutte le richieste dirette che non hanno un SASE e / o sufficiente IRC / US $ necessario per coprire le spese postali verranno restituite via bureau.
QSL BUREAU - A tutte le QSL rivcevute via bureau verrà risposto via buro
DIRECT QSLs must have self addressed envelope with one IRC (new) or two US $ in order to cover the postage. All direct requests that do not have a SAE and/or sufficient IRC/US$ required to cover postal fee will be returned via the bureau.
BUREAU QSLs - All QSLs received via the bureau will be answered via the bureau
********* PLEASE NO E-QSL *********

***************************
Other info:
http://www.arigenova.it
http://www.mna.it

http://www.waponline.it


buoni ascolti da

Francesco Giordano
IZ1KVQ





mercoledì 22 febbraio 2017

Voice of Khmer M'Chas Srok - Log onde corte

15600 e 17860 kHz
Ascolti milanesi con il Perseus e il dipolino ripiegato T2FD. 73, Giampiero
5979v 18/2 0005 PBS Gannan, Hezuo, China, talks, weak
5985 18/2 0010 Myanmar Radio, Naypyidaw, talks, weak/fair
6005 12/2 1000 Radio Atlantic 2000 International, Kall-Krekel, Germany, start bc, fair
6005 12/2 1123 Shortwave Service, Kall-Krekel, Germany,  songs, id, fair/good
6055 12/2 1130 Evang. Missionsgemeinden, Nauen, Germany, start bc, German, good
6065 13/2 1815 Voice of Hope, Lusaka, Zambia, religious talks, songs, fair

6070 13/2 1505 SDXF World Radio Day special bc, Rohrbach, Germany, History of radio, talks about broadcasting radio, songs like Radio Gaga or Listen to the radio, at 1533 letter reports (English at 1544), good
6070 19/2 0900 Goldrauch, Rohrbach, Germany, German, oldies hit parade, good
6070 19/2 0956 Gold 1539, Rohrbach, Germany, id in Italian after Goldrausch "prove tecniche di trasmissione" good
6070 19/2 1000 DARC, Rohrbach, Germany, start bc, good
6070 19/2 1110 BCLnews, Rorhbach, Gemany, radio news by Scaglione, good

6085 12/2 1105 Radio Mi Amigo, Kall-Krekel, Germany, songs, fair
6130 13/2 1930 TWR, Manzini, Swaziland, Portuguese, religious, fair
6135 13/2 1935 Voice of Iran, Italian, reports, good
6135.19 18/2 0015 Radio Aparecida, Brazil, Holy Rosary, fair
6165 1872 0020 Thazin Radio, Myanmar, slow songs, weak/fair
6850 12/2 0940 Freedom Radio, Pirate, Italy, nice music, fair
6940 12/2 0936 Radio Voyager, Pirate, songs, fair, fading, Signal down at 0949

7120 13/2 1808 Radio Hargheisa, Somaliland, Somalia, talks, low mod, S6
7700 13/2 1405 Radio Marconi Int. In Italian, USB, radio news, weak, fading
7730 18/2 0000 Frequencia al Dia, via WRMI, Okeechobee, USA, radio info, weak

8421 17/2 2353 WLO, Mobile, USA, CW ids, fair

9420 17/2 2306 Voice of Greece, Avlis, reports, Greek, fair
9610 12/2 1002 AWR, Nauen, Germany, Italian bc, Obiettivo DX, good
9674.89 17/2 2310 Cancao Nova, Cachoeira Paulista, Brazil, songs, fair
9700 19/2 1130 Radio New Zealand Int. songs, talks, weak
9724.87 17/2 2314 RB2/Aparecida, Curitiba, Brazil, songs, fair // Aparecida 9630 11855
9819 17/2 2318 Radio 9 de Juhlo, Sao Paulo, talks, prayer, weak/fair, NOT // Aparecida

11780 17/2 around 2300 NO Radio Nacional Brasilia OFF AIR
11815 17/2 2259 Radio Brasil Central, Goiânia, talks, id, songs, fair
11855 17/2 2303 Radio Aparecida, Brazil, Religious songs, weak/fair //9630 fair/good

15600 12/2 1134 Voice of Khmer M'Chas Srok, via UNID country, talks, fair/good NOT // 17860
17860 12/2 1145 Voice of Khmer M'Chas Srok, via Tajikistan, long talks, fair/good NOT // 15600