lunedì 3 agosto 2020

radiorama 106

Radiorama Numero 106

domenica 26 luglio 2020

I.A.C. Italian Activity Contest versione 1200 Mhz (Gruppo Radio Liguria)




I.A.C. (Italian Activity Contest) versione  1200 IQ1ZW

Una grande serata quella di martedì 21 luglio scorso con molta partecipazione per mettere in aria il call del Gruppo nonostante fosse una serata settimanale,  e una buona occasione di fare collegamenti su una frequenza non facile ma con un team eccezionale che si è dato subito  da fare per avere in poco tempo una stazione temporanea pronta a operare in 1200.


Ci siamo divertiti, forse di più che in un contest HF.
Non c'era nulla di scontato e, nonostante il numero dei collegamenti non sia stato eccezionale, i nostri 10 QSO hanno toccato anche la zona 0.
Al Nord molto più   movimento, molte stazioni ma, sfruttando rimbalzi qua e là, siamo riusciti ad arrivare comunque sempre bene.
E' vero, lo vedete dalle foto, il barbeque è stato il motore della serata.
Una serata passata all'aria aperta con le   comodità che la nostra sede ha offerto: acqua, luce, servizi.
Ci saranno altre serate, altri contest, altri barbeque.
Quando una compagnia funziona, e funziona bene, non ci sono obiettivi irragiungibili.




Un gioco pulito e leale. Una gara dove partecipare è la cosa più importante.
Giocare sì per vincere ma anche e soprattutto per incontrare gli avversari e, qualche volta, favorirli per permettere a stazioni ubicate in zone più svantaggiate, di mettere a log qualche nominativo in più.
Personalmente ritengo che il Gruppo Radio Liguria si sia particolarmente distinto per il gentlemen's agreement dei suoi operatori ma soprattutto per la generosità e l'impegno profuso durante tutto il contest.




Un augurio a tutti noi di ripetere l'esperienza e di mettere a calendario altre serate come questa.

73' de IK1RDV
Paolo Ponte





Gruppo Radio Liguria
Salita Superiore di S Tecla 26
16132 Genova
Email: info@grupporadioliguria.it
Cell: 3755032571 – 3392501710


SimSmith un'ottimo software gratis da provare




A questo indirizzo potete trovare come scaricarlo tutte le informazioni ed i video per l'uso . 

https://www.w0qe.com/SimSmith.html

A questo indirizzo un'ottimo esempio di applicazione per la progettazione di accordatori per antenne a banda relativamente larga : 

sabato 25 luglio 2020

Come ho visto (e fotografato) la Cometa...

Stuzzicato dalla richiesta di Claudio Re su come vedere la Cometa NEOWISE, ho deciso di rispondere all'invito e raccontare la mia piccola esperienza.
Premetto che non sono assolutamente esperto, ma la curiosita' per questa cometa mi ha spinto a fare delle prove.
Trovare la Cometa, oggigiorno, e' abbastanza facile. Ci sono App e siti Web che ti danno tutte le informazioni necessarie (ovviamente una piccolissima consocenza del nostro cielo e' necessaria! hi).
La Cometa non e' molto luminosa e a occhio nudo non e' facile vederla.
Io, ad esempio (a 64 anni compiuti!) riesco a vederla in un cielo pulito e buio solo dopo averla vista con il binocolo, cioe' se so dove e'.
Mia figlia di 30 anni, l'ha vista appena scesa dall'auto!!!

Ovviamente la tentazione di fare delle foto e' stata grande!.
Ma anche in fotografia non sono esperto! Ma ho voluto provare....
Ho usato cio' che avevo. Una "vecchia" macchinetta fotografica SamsungWB252F.
Una piccola macchinetta compatta (costo di quando l'ho comprata 150€), ma con la possibilita' di avere un tempo di esposizione abbastanza lungo ed uno zoom ottico per aggiustare l'inquadratura.
Impostando quindi il massimo (16sec) e il massimo di apertura, con una sensibilita' di 400ASA (non oltre, se no troppo rumore di fondo), mi sono meravigliato (hi) di essere sono risucito a ottenere foto come questa..... !!


Giocando poi che le varie App che predicono il passaggio della ISS sono riuscito anche a catturare il passaggio della ISS "dietro" (o meglio... "davanti" HI!) alla Cometa.


Facendo le foto per una serie di giorni consecutivi e' "divertente" vedere lo spostamento della posizione della cometa da un giorno all'altro rispetto alle stelle fisse.






Tutto questo, solo per dire che anche con piccoli mezzi possiamo avere delle (piccole) soddisfazioni.
Certo, che questo e' il massimo che si puo' ottenere! Hi.
Da notare che, e' molto importante la "location" (oggi si dice cosi'!).
Un cielo lontano fa fonti luminose (centri abitati), magari dopo una giornata di pioggia o vento, e un po' in quota (200-400mt per avere meno "smog" e/o umidita') aiutano moltissimo!

Piccola nota tecnica..... per i non addetti..(hi!).. e' "importante" far vedere nelle foto anche qualcosa di "terrestre" (e non solo dei puntini bianchi). Questo si ottiene quando ormai e' gia buio, ma non notte fonda. Quindi la finestra utilizzabile e' di circa 30-45 minuti. oltre questi tempi, nella foto non si riescono piu' a vedere gli alberi (a meno di illuminarli ad arte!! Hi).

Comunque.... da qui a dire di essere in grado di fare delle foto "serie" il passo e' grande, sia in esperienza e capacita' di operare, sia nei mezzi necessari.

Ma..... mi piace dire che questo e' lo spirito QRP! Hi|
Sandro Montagni I5MSH



martedì 21 luglio 2020

Come ricevere l'eco del radar di Graves dalla Luna (EME)

Premesso che EME sta per Earth- Moon - Earth e cioe' Terra - Luna - Terra , era un po' che volevo ripetere l'esperienza di altri nel ricevere gli echi del radar di Graves dalla Luna .
Un giorno sono stato ispirato dal vedere la Luna nel cielo diurno e cosi' mi sono dato da fare per montare su un palo estendibile con motore a catenella ( gentilmente messo a nuovo da Walter Pagliarani ) , una antenna a 8 elementi della Wimo ( in realta' una 16 elementi  polarizzazione circolare montata per un quarto .... ) gentilmente regalata da Marco Bruno della Spin Electronics che rappresenta e vende un numero enorme di strumenti elettronici : http://www.spinelectronics.eu/
L'antenna , posata su un piatto di teflon e' facilmente rotabile in orizzontale , ma non in elevazione .
Con l'occasione ne ho approfittato per verificare la causa dell' eccesso di rumore che ho collegando un'antenna sulla gamme dei due metri , come indicato nella pubblicazione al collegamento : 
dove faccio vedere la chiara ricezione dell' eco della ISS .
Come avevo subodorato , il rumore proviene dal Colle della Maddalena ( verso cui per fortuna sono parzialmente schermato ) per via dei battimenti multipli della marea di trasmettitori ivi concentrati ( molti dei quali attivati proprio dal sottoscritto , per cui meglio che abbassi le orecchie ...... ) .
L'eccesso di rumore nel mio QTH e' di circa 12 dB .
Se non altro la buona notizia e' che andando in un luogo quieto si possono ricevere echi con un S/N migliore di 12 dB rispetto a quanto posso fare qui da me ....

Detto questo , pur lasciando per pigrizia l'antenna con elevazione zero , l'ho puntata nella direzione in cui il sofware Stellarium diceva che sarebbe sorta aspettandomi un segnale parallelo a quello troposferico proveniente da Graves , che qui raramente non e' visibile perche' Torino in Italia e' forse la citta' piu' vicina al TX , ad una distanza di alcune centinaia di Hz distante da 103.050 MHz per via dell'effetto doppler Terra - Luna . 

Ho dovuto attendere un po' perche' nella direzione utile c'e' una collina sormontata de un albero alto , ma non appena la Luna e' stata visibile , l'eco si e' rivelato ad una frequenza di circa 310 Hz maggiore di quella di partenza .

Il tutto come da immagini seguenti :





Ora mi sono tolto anche questo sfizio .

Sul Blog , la stessa esperienza , ma in regime notturno era stata documentata da Mauro Bernardetto al collegamento : 

Ho visto la cometa ?

Seguendo le indicazioni delle mia stessa pubblicazione al collegamento :

http://air-radiorama.blogspot.com/2020/07/come-trovare-la-cometa-di-luglio.html



L'altro ieri a mezzanotte e ieri alla 10.30 locali mi sono messo alla ricerca dal mio QTH di Torino .

Avendo qualche molto modesta conoscenza ed esperienza nel campo , ho evitato l'uso di un telescopio ed ho impiegato un binocolo che ha un ampio campo di visione ed una buona luminosita' , nella fattispecie un Meade 10x50 che vale ben piu' dei ( se ricordo bene ) 40 Eu pagati al Lidl . 

Dopo un po' di scansione del cielo , la cometa era nella zona dove doveva essere secondo la cartina della pubblicazione .

In vita mia ho visto un'altro paio di comete , una addirittura con due code .

In questo caso cio' che ho visto e' stato solo una una palla lattiginosa , che avrei tranquillamente scambiato per una grossa galassia , tipo Andromeda , vista anch'essa in tempi passati , ma che il software  Stellarium mi dava quasi a 90 gradi piu' a destra .

C'e' da dire che l'angolo di elevazione era abbastanza basso e la traiettoria visuale passa in pieno sulla citta' di Torino per cui il cielo era tutt'altro che buio e quindi la visione ben poco luminosa .

Ho anche provato con un ben piu' misero Tronic 10x25 , se ho visto forse qualcosa era solo perche' sapevo che era li .

Ad occhio ovviamente zero .

Sono quindi ragionevolmente certo di avere visto il nucleo della cometa , ma non altro .

Se qualcuno piu' ferrato volesse fornirmi qualche indicazione o suggerimento , la email e' : reclaudio(at)alma.it 



 

giovedì 16 luglio 2020

diploma “ANDREA DORIA – ICEH” - II0ICEH




L'INORC “Italian Naval Old Rhythmers Club”, costituito nel 1976 con lo scopo di tenere vivo il ricordo della radiotelegrafia navale e delle persone che per essa hanno operato, organizza e propone il diploma “ANDREA DORIA – ICEH”.




L'INORC ricorderà così il tragico evento dell'affondamento del grande transatlantico italiano “Andrea Doria”, avvenuto il 26 luglio 1956 al largo della costa di Nantucket (Massachusetts), speronato dalla nave svedese “Stockholm”.




Dal 18 luglio al 1 agosto saranno attivi la stazione speciale II0ICEH e 14 Soci INORC esclusivamente in telegrafia e su tutte le frequenze HF.

Per l'occasione, oltre al diploma rilasciato ai partecipanti che raggiungeranno il punteggio specificato nel regolamento, verrà anche inviata la QSL speciale dell' evento.



Il grande transatlantico - varato nel 1951 ed entrato in servizio il 14 gennaio 1953 - misurava 214 m. di lunghezza e 27 m. di larghezza ed il suo indicativo radio internazionale era appunto ICEH.
In quella triste occasione morirono 51 persone; la nave - dopo essersi collocata su un fianco con la murata completamente squarciata - affondò la mattina di giovedì 26 luglio 1956; il suo relitto giace tuttora alla profondità di 75 metri sui fondali dell'Oceano Atlantico.





I dettagli del regolamento del diploma sono disponibili nella pagina di QRZ.COM (call II0ICEH) e nel sito www.inorc.it




(info tratta da inforadio di Ovidio https://www.info-radio.eu/ )

--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco Giordano
Genova 
*******************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/
*******************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct (no contributi), eQsl (https://www.eqsl.cc), e-mail or Lotw 

mercoledì 8 luglio 2020

Come trovare la cometa di Luglio


Dagli amici dell' Osservatorio Urania : 

COME TROVARE LA COMETA ( VISIBILE AD OCCHIO NUDO , MA UN BINOCCOLO

AIUTA . . . ).

Note personali : 

BST = Brithish Summer Time .

In pratica +1 UTC .

Le loro 11:30pm sono le nostre 00:30 am.

L'immagine rispetto all'orizzonte si riferisce a Latitudini dell' Inghilterra , pero' con le costellazioni e Capella ci si puo' orientare .



martedì 7 luglio 2020

Radio Mosca - Redazione Italiana, anni '70



Радио Москва

Nel mio girovagare tra i mercatini on line, ho trovato questo raro opuscoletto della redazione italiana di Radio Mosca degli anni ’70.
Ricordo che le trasmissioni in lingua italiana iniziarono, in modo irregolare, nel 1933. Mentre dal 1937 la programmazione diventò quotidiana per proseguire, nel corso degli anni, fino al dicembre 2013 quando la redazione italiana continuò solamente in streaming per poi interrompere definitivamente le trasmissioni.
Il pieghevole in questione, oltre alla bella copertina, riporta all’interno l’intera programmazione settimanale con dettagli delle varie rubriche dirette a noi ascoltatori italiani.
Un bel ricordo di Radio Mosca !!!






A cura di Bruno Pecolatto
AIR 130