mercoledì 16 aprile 2014

SDR Monovalvola - Autocostruzione di un SDR minimo "nostalgico"

L' intelligenza e' per forza di cose limitata, ma la pazzia puo' non esserlo....
A Napoli direbbero "chill'è pazzo ...." .
Non posso smentire.
Come avevo annunciato ,dopo la costruzione dell' SDR Monotransistor ,al collegamento :
http://air-radiorama.blogspot.it/2014/04/sdr-monotransistor-piu-semplice-di-cosi.html
dopo circa 35 anni che non autocostruivo qualcosa a valvole, complice una presunta 6C4 che rotolava da tempo immemore in un cassetto tutte le volte che l'aprivo ( rivelatasi poi per fortuna una 6AK5), ho sviluppato la versione a valvola.
Con tensioni basse di alimentazione , fare funzionare una valvola non e' cosi' banale , per cui e' stato piu' difficile della versione a transistor.
Visto che la valvola non ne voleva sapere di condurre, dopo qualche reminiscenza, ho :

1) Collegato la griglia schermo assieme alla placca
2) Sostituito la resistenza di catodo di autopolarizzazione con un impedenza
3) Collegato la resistenza di griglia anziche' a massa , alla placca e, visto che scorreva corrente di griglia .

Con 5V di filamento derivati dalla USB e 12 V di placca , ricavati da un piccolo convertitore DC-DC ,il circuito oscilla e riceve stabilmente .
La corrente anodica e' di 1mA .
Quindi per la placca si potrebbe usare anche nel caso utilizzare piu' banalmente  una batteria .
Coi soli condensatori elettrolitici carichi ed il filamento caldo , se stacco l'alimentazione, l'SDR funziona ancora per circa dieci secondi ....

Anche questo "mostro" sara' all' EXPO AIR di Torino del 10 Maggio , dove i presenti lo potranno toccare con mano e con "l'u-dito" ...hi.....
http://air-radiorama.blogspot.it/2014/04/perche-dovrei-venire-all-expo-air-di.html
http://www.air-radio.it/meeting2014.pdf

Di seguito la foto della versione a quarzo .
Sul pannello e' collegato solo il BNC di antenna .
Tutto il resto e' reminiscenza di altri circuiti antichi montati " illo tempore "( non butto mai via niente .... ) .



Accidenti , adesso c'e' un nuvistor 6CW4 che mi guarda dalla vetrina del piccolo museo personale.....
Magari con 5V di anodica funzionerebbe ....

4 commenti:

Gianluca Romani ha detto...

Ottima idea, ma non ho capito sinceramente cosa fa il circuito. E' semplicemente un oscillatore che manda un segnale al computer e poi un software decodifica?
grazie saluti, G.Romani

Claudio Re ha detto...

SI , certamente . Nella sua semplicita' non puo' che essere un mixer autooscillante che converte il segnale da ricevere nella banda audio della scheda audio di un PC .
Si puo' anche ascoltare il segnale con un normale amplificatore audio se lo si fa ricadere nella banda audio e quindi senza l'uso di un PC.
Una semplice , minimale tecnica ( non totalmente priva di difetti ) , ampiamente documentata ( quindi non farina del mio sacco , ci mancherebbe che fosse possibile inventare qualcosa ... ) che ho usato assieme a tanti altri molti anni fa quando gli apparati erano nella stragrande maggioranza dei casi autocostruiti .
Una opportunita' per autocostruire .
Tanto divertimento con poca complessita' e sforzo .
Claudio Re reclaudio@alma.it

Daniele Tincani ha detto...

Per curiosità, quanto vale la larghezza di banda in uscita?

danieletincani@yahoo.com

Claudio Re ha detto...

Non ci sono limiti particolari . Dipende dal trasformatore di uscita che fa anche da separatore per interrompere i loop di massa . Claudio Re reclaudio@alma.it

Posta un commento

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.