venerdì 15 gennaio 2016

Antenna attiva VLF-HF di Francesco Nardi



Questa è l'antennina che compare nella foto sulla pagina iniziale del mio sito, infilata all'occorrenza in un ramo secco piantato per terra.

E' un progetto di CLAUDIO POZZI - IK2PII, comparso sul numero di ottobre dell'anno 2006 della rivista RADIOKIT ELETTRONICA.

Di semplicissima esecuzione, non presenta alcun tipo di difficoltà per il suo montaggio.

Personalmente ho apportato una piccolissima modifica: anziché usare un lamierino metallico come "captatore", ho utilizzato un'antennina a stilo recuperata da una vecchia radio.
C'è chi invece ha realizzato l'antenna ed ha addirittura usato come captatore un pezzo di tubo di rame del diametro di 1 cm. per intenderci, quello utilizzato per portare l'acqua ai termosifoni negli impianti di riscaldamento, ottenendo sempre ottimi risultati.
La prova sul campo è stata fatta la mattina del 24.12.2009, quando mi sono recato in cima ad una montagna per ascoltare la trasmissione annuale della stazione SAQ sui 17,2 KHz (proprio nell'occasione è stata scattata la foto...).
L'antennina attiva ha di gran lunga battuto sulle VLF - LF la lunga filare che ho sempre utilizzato, ovviamente i segnali sono stati ricevuti più forte quando lo stilo era tutto alzato.
Ho testato l'antennina la stessa mattina, ascoltando vari segnali sulle VLF: la stazione Russa "Beta" sui 25 Khz che stava trasmettendo gli impulsi di tempo a quell'ora, è stata ricevuta con un'intensità di segnale notevole, così come tantissimi radiofari tra i 300 e 400 KHz.
L'ascolto delle onde medie e delle onde corte si è rivelato addirittura e paradossalmente superiore alla lunga filare e, con grande stupore, anche molte stazioni al di sopra dei 20 MHz erano palesemente ricevibili.
Insomma, come già detto da qualche altra parte, la resa è stata di gran lunga superiore alle aspettative.
Unica e fondamentale accortezza da tener presente: Utilizzare l'antennina in luoghi quanto più isolati o lontani da fonti di rumore o interferenze. Nel centro di Gaeta, dove vivo, questo prezioso dispositivo diventa solo un captatore di rumori e spurie varie, rimanendo praticamente inutilizzabile.
Mi sono perso in chiacchiere e ho solo fatto la descrizione de funzionamento dell'antennina, poiché è possibile effettuare il download dell'intero articolo di Radiokit in formato pdf dal link sottoriportato.


Articolo completo di Claudio Pozzi - IK2PII, Radiokit 10/2006
E-antenna.pdf
Documento Adobe Acrobat [637.7 KB]
Download


Stesso articolo, ma con foto a colori e grafica migliore (ma a definizione più bassa).
E-antenna 2.pdf
Documento Adobe Acrobat [492.5 KB]
Download

Ed ecco la mia realizzazione, il tutto come sempre investendo solo una manciata di Euro.


1 commento:

Claudio Re Claudio ha detto...

Finalmente qualcuno sperimentando con mente aperta si e' accorto che mettendo uno stilo alla Miniwhip si riceve piu' con questo che con il cavo .
Claudio Re reclaudio@alma.it

Posta un commento

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.