lunedì 4 novembre 2013

L'importanza di interrompere i loop di massa e delle linee bilanciate - Sistemi "antichi" tornano alla ribalta

Durante la ricerca del comportamento dell' onde ionosferica durante il giorno , ho eseguito alcune misure su portanti di trasmettitori in Onda Media ricevibili sia di giorno che di notte .
Una delle frequenze prescelte e' stata 531kHz che pero' era fortemente interferita da rumori chiaramente di origine "umana" generai da qualche alimentatore switching , provenienti dalla rete , o indotto tramite qualche loop di massa .
Uno dei tipici rimedi che si provano e' quello di inserire un "trasformatore separatore" tra la fine del cavo coassiale ed il ricevitore per interrompere eventuali loop di massa si questa parte del circuito .
Come trasformatore separatore si usa un trasformatore isolatore con rapporto 1:1  ( quello che siamo soliti denominare Bal-Un di tensione ) .

Cosi' facendo si interrompono i loop di massa in questa parte del circuito ed il cavo coassiale , in ultima analisi , tende e comportarsi come una linea bilanciata (anche se un po' anomala) .
Sono rimedi che tipicamente si rendono necessari nella parte bassa della RF , da frequenze di Hz fino a circa 3 MHz che sono le piu' martoriate dei distrurbi prodotti dall' uomo , me che continuano ad aumentare sia di intensita' che frequenza .
Nel filmato si puo' ben notare il vantaggio apportato dal trasformatore separatore aggiuntivo .
Dico aggiuntivo perche' l'antenna impiegata e' una Maxiwhip che gia' di suo come antenna presenta una configurazione di tipo bilanciato che viene poi sbilanciata per l'uso con cavo coassiale .

La considerazione finale e' che , non e' un caso che nei vecchi libri di antenne , il 95 % delle antenne fosse di tipo bilanciato con linee bifilari e trasformatori particolarmente curati .
L'avvento dei cavi coassiali ha migliorato certe cose , ma si dimostra che  il sistema migliore rimane ancora quello antico .
Uno dei sistemi che molti sperimentano come ottimo ( perlomeno fino alle HF) e' l'uso di configurazioni totalmente bilanciate che fanno uso di buoni cavi di rete standard per uso informatico .
Personalmente ho sperimentato ed uso in ricezione queste configurazioni con ottimi risultati  .
Non ultimo il fatto che in un cavo di rete ci sono diverse coppie di linee bilanciate che possono essere usate per piu' di un uso , sia RF , sia di telealimentazione o commutazione .
Un ottimo sistema per semplificare e migliorare ulteriormente la SUPERMAXIWHIP o altre antenne di ricezione .


6 commenti:

  1. Anche per la miniwhip mi ricordo che PA0RDT aveva sperimentato una versione con alimentazione e discesa RF separate tramite cavo CAT.

    RispondiElimina
  2. Marco Bisceglie4 novembre 2013 15:56

    Salve Claudio, anche io dopo varie riflessioni e sperimentazioni, sono giunto a questa conclusione. Il mio sistema di antenna è una filare di 30+30 metri, con un trasformatore 40:1 e alla fine prima di entare nel ricevitore ho messo un trasformatore 1:1, inserito in una scatola metallica e collegato direttamente con un doppio maschio. Il livello di rumore indotto è praticamente inesistente. Il sistema funziona fino a 20 kHz, più sotto nulla, forse dovrei provare un tipo di trasformatore diverso, come hai fatto tu, usando un trasformatore di riga per televisori. Comunque un'altra idea che mi frulla in testa da un pò è quella di provare a utilizzare un cavo bilanciato di tipo microfonico, costruendo un trasformatore con secondario a presa centrale su cui collegare la calza del cavo e i due centrali agli estremi del trasformatore. Naturalmente dalla parte del ricevitore ci vorrebbe un identico trasformatore al contrario, da bilanciato a sbilanciato. Che ne pensi?

    RispondiElimina
  3. Sicuramente hai gia' fatto le cose giuste . Tipo una Long Wire bilanciata e non come ho visto fare da quasi tutti con un lato a massa .Il fatto che tu non riesca a scendere in basso deriva da due fattori :il Balun 1:40 che hai costruito sicuramente soffre da 100kHz in giu' . Dovresti usare un Minicircuits .A frequenza basse la polarizzazione orizzontale praticamente non esiste . Se il sistemi sono ben bilanciati gli schermi non servono o possono addirittura essere deleteri . Proverei con un doppino telefonico .Eviti tutta la complicazione delle prese centrali ed affini .
    Claudio Re - reclaudio@alma.it

    RispondiElimina
  4. Marco Bisceglie4 novembre 2013 20:01

    infatti, il balun sicuramente non va oltre, anche se come ti ho detto fino a 20 kHz si visualizzano dei segnali, che non sono disturbi elettrici. Per il trasformatore ho usato un FT50-J al posto del solito 43, che mi ha permesso di avere un'induttanza maggiore a parita di spire avvolte, Per scendere più giù e visualizzare gli Omega ho usato l'antenna attiva AMRAD, anche se ho dovuto penare per filtrare l'alimentazione e impedire che da quella parte entrassero disturbi, anche se il rumore totale è notevolmente superiore ad un sistema bilanciato passivo. Comunque il doppino è una buona idea, da sperimentare, economico e facile. Bene, ho i compiti per casa da eseguire :-) Un saluto
    Marco email marcobisceglie@tiscali.it

    RispondiElimina
  5. Forse intendi i segnali Alfa Russi. Il sistema Omega non e' piu' in uso da non so quanti anni .
    Comunque ottime esperienze !
    Claudio Re - reclaudio@alma.it

    RispondiElimina
  6. Marco Bisceglie4 novembre 2013 20:14

    si, scusa erano i segnali Alfa, l'età avanza e il rimbambimento pure...

    RispondiElimina

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.