martedì 6 settembre 2016

Un interessante ricevitore rumeno : R3110 (R35T)


Di Roberto Lucarini IK0OKT del “Boatanchors Net”   


Sempre a caccia di radio che diano nuovi stimoli, sono capitato quasi per caso su questo interessante ricevitore HF. L'oggetto, insolito per me, che in genere tralascio quasi tutte le radio pensate esclusivamente per i militari ,mi ha incuriosito per la sua ampia copertura di frequenza e per il fatto di avere diversi gradi di selettività; nella  foto sopra lo vedete assieme al suo alimentatore 220-12 V. E' un ricevitore militare rumeno di medie dimensioni, per uso campale risalente ai primi anni '70. In rete si trovano abbastanza poche informazioni, ma fortunatamente dal sito di uno YO si può scaricare il service manual (in rumeno...) E' costruito totalmente a semiconduttori sia al germanio che al silicio ed è a doppia conversione sulle prime due bande ed a tripla nelle tre bande superiori

 L’altra  denominazione del ricevitore è R 35 T.


Nella seconda foto potete veder un primo piano del frontale. Come potete notare ha due manopole, una per la sintonia grossolana, l'altra per la sintonia fine che però funzionano in maniera assai diversa dai "bandspread" cui siamo abituati: ci si posiziona con "acord brut" ad esempio a 7.200 KHz e con "acord fin" si può spaziare 50 KHz sopra o sotto la frequenza dell'accordo grossolano....la frequenza coperta è insolitamente ampia, va da 1.250 KHz a 30,1 MHz coperti (quasi) in continuità in sei gamme d'onda.....

Band I     -   1.5 to 2.5   MHz
Band II    -   2.9 to 5.0   MHz
Band II    -   5.0 to 6.9   MHz
Band IV   -  6.9  to 12.5 MHz
Band V   -  12.5 to 21.1 MHz
Band VI   - 21.1 to 31.1 MHz



 




Riceve in AM e CW con BFO, sia con AGC che senza, e demodula la SSB con una facilità che certi suoi colleghi verdastri di Cedar Rapids si sognano.....
La banda passante può essere variata a scatti da 0.6 - 2.0 - 4.0 e 7.0 KHz, e questo è stato il motivo che me lo ha fatto prendere.....Uscita audio su cuffia da circa 120 oppure uscita di linea a 600 Ohm, da dove ovviamente si può pilotare un amplificatore BF esterno....Usando il solito trasformatorino 600-8 Ohm comunque l'uscita cuffia è tranquillamente in gradi di pilotare un ellittico di medie dimensioni come quello di un MS-4 Drake.



La stabilità è a dir poco notevole, e la possibilità di variare l'amplificazione IF separatamente dalla BF permette di usarlo oltre che con antenne corte anche con il dipolo dei 40 metri, senza particolari difficoltà. Sulle gamme BC nella posizione 7.0 KHz se lo si abbina ad un ampli esterno, se ne ottiene anche un ascolto di ottima qualità. E' dotato inoltre di un filtro BF a 2.5 KHz inseribile a piacimento con il comando "filtru" che elimina parecchio soffio.....La costruzione è in lega con coperchi amovibili muniti di guarnizioni che lo rendono quantomeno stagno agli spruzzi quando è chiuso...Si alimenta a 12-14 Volt ed assorbe assai poco, circa 500 mA. Un'occhiata all'interno rivela una costruzione ordinata, fatta a moduli separabili (dissaldando un pò di fili). Come in altre radio dell'Est è chiaramente visibile l'influenza che ebbero le radio tedesche WW2 sui progettisti dell'ex USSR......vedasi il tamburo e la fusione che lo sostiene.
C'è poi un comando del quale non ho capito bene la funzione "cu sincr." ..... azionandolo la radio parte con una scansione e va a ad agganciarsi alla portante più forte che trova nel range dei  KHz.....in CW-SSB pare non aver effetto....un auto-tune? boh ! In estrema sintesi, un RX interessante e funzionale, anche se prettamente per uso militare, e quindi dopo averci giocato un altro pò farà la fine di quasi tutte le altre radio in grigioverde capitate nel mio shack, verrà preferibilmente scambiato con nuovi giocattoli.

Schema a blocchi RX R3110  (R35T)

                

Fonti: tutto quello che ho trovato in rete....
Service Manual R35T (R3110)   http://www.qsl.net/yo4hfu/R35T.html

    
           73

    Rob IK0OKT


La  funzione "cu sincr” nel  RX R3110 (R35T)

Di 'Tiziano'  del Boatanchors Net


Il  filtru CU mi ha subito fatto pensare al Siemens E311 dove un indicatore segna i 100 KHz precisi e con la sintonia fine ci si muove nei 100 kHz, qui è la stessa cosa!
Con la sintonia brut quando in modalità “ filtru CU” si fa il punto sui 100 KHz ed il punto è indicato dallo strumento predisposto sulla indicazione corretta, quando l'indice rimane stabilmente nel segmento rosso, poi ci si sposta con la sintonia acord fin , peccato non sia uno 0-100 ma un -50+50!
Attenzione alle false indicazioni se le scale non sono ben allineate fra sintonia senza CU e con CU si possono prendere cantonate... Come sul E311...
Si moti che con CU inserito acord brut non consente una vera sintonia, infatti quando agganciato sui 100 KHz relativi piccoli spostamenti non hanno effetto, resta fisso sulla frequenza agganciata finché non sgancia!
Si provi col calibratore interno che lavora ogni 200 KHz, bfo a zero acord fin a zero ci dovrebbe essere battimento sia su CU che con sintonia libera, salvo piccoli disallineamenti .
Ho notato che la massa del l'apparato è sul positivo, nessun problema con il suo alimentatore ma se usate un alimentatore con negativo a massa e terra come quello che ho io si rischia di mandare in corto l'alimentatore...

Un apparato certo interessante che per il momento ho ma che ancora non conosco bene nella pratica operativa!

       73 Tiziano 

1 commento:

Puiu ha detto...

It is so nice to remember the age of University studies in Romania. By choosing radio communications at the University in the Cold War age, it was compulsory to complete the military service at the Signal Corps. Did this in 1974-1975 and the R 3110 was my second (spare ) operational receiver. A little noisy and with small frequency in-stability due to the thermal changes. Real nice filters ( flat and no ‘’ringing’’ at very high speed CW).
To be honest , my chose was its ancestor, the Russian R 311 , using tubes instead the first generation semiconductors. With small adjustments (to cure the Russian mass production errors) gave a nice, clean and stable signal with huge front end immunity in the close proximity of a 400 KW AM transmitter.
It was a real pleasure to read the article and to remember my first radio ages more than 40 years ago.
Puiu Cristea, YO5BIM

Posta un commento

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.